• Post category:News

Mostra e catalogo di Luca Valenta

Febbraio 2020 – Aprile 2021.

Più di un anno di teatri chiusi, di concerti annullati.

Una cappa di silenzio che è calata -spessa e asfissiante- su un intero settore, togliendo la voce a centinaia di migliaia di artisti, di teatri e sale da eventi, di addetti ai lavori. Quella voce che è passione, scelta di vita e al contempo sostentamento economico, e che si è trovata di colpo -e troppo a lungo- inascoltata.

Un silenzio che è anche un enorme vuoto. Nel senso più ovvio e palpabile delle sale deserte e delle file e file di sedie senza pubblico. Ma anche vuoto interiore: un sentimento di profonda solitudine e impotenza, accentuato da un paese intero che sembra essersi dimenticato dei propri artisti, impegnato a combattere battaglie più grandi, dove l’arte diventa quasi superflua, un vezzo per tempi migliori. Un grido assordante di silenzio, di fronte all’indifferenza dell’opinione pubblica che però si rivolge alla musica per cercare sollievo e fughe seppure immaginate. Una contraddizione forte, sentita, vissuta sulla propria pelle dagli artisti.

Più di un anno di silenzio e vuoto: oltre 365 giorni vissuti in una sorta di strana stasi, in una bolla trasparente in cui tutto è immobile ma al cui esterno si può osservare -distante e ovattato- un mondo che riparte, si muove di nuovo, rinasce.

Silenzio, vuoto, stasi.

“Il suono sospeso” nasce per tornare al fianco degli artisti e degli ambienti che credono nella musica dal vivo. Per riportare i musicisti -soli, costretti al silenzio, con i loro strumenti ma senza poterli imbracciare- in quei luoghi che normalmente vibravano di suoni ed emozioni. E che ora diventano l’emblema più rappresentativo di quella stasi, di quel vuoto.

Progetto trasformatosi in esposizione e relativo catalogo grazie agli amici di Controtempo Jazz in collaborazione con AFIJ.

La mostra sarà visitabile a partire dal 16 giugno 2021 ore 18:30 nei seguenti luoghi, dove si potrà reperire anche il catalogo.

Knulp Bar, via Madonna del mare 7/a, Trieste. 
Café Rossetti, largo Gaber 1, Trieste. 
Casa della Musica, via dei Capitelli 3, Trieste. 
Murphy’s Meeting Point, galleria Fenice 6, Trieste. 
Taverna Ai Mastri d’Arme, via di Tor Bandena 3/a, Trieste. 
Antico Spazzacamino, via delle Settefontane 66, Trieste. 
https://www.lucavalenta.com/portfolio/il-suono-sospeso/
https://controtempo.org/eventi-collaterali/il-suono-sospeso-mostra-fotografica-di-luca-valenta/

Photo Credit © Luca Valenta